Deblattizzazione (lotta agli scarafaggi)

 

Gli scarafaggi si trovano negli esercizi commerciali in cui sono prodotti o trattati cibi, negli edifici pubblici e locali privati anche ad uso abitativo. Tutti gli scarafaggi trascorrono il giorno nascosti nei buchi e nelle fessure situati attorno alle aree di lavandini, canali di scolo, fornelli, retro di credenze e negli scompartimenti di motori frigoriferi.

Generalmente preferiscono gli edifici con condutture di servizio e complesse installazioni idrauliche. Le infestazioni posso derivare da ooteche o da adulti nascoste nelle biancheria, sulle materie prime, in casse od imballaggi, gli insetti possono entrare anche attraverso gli scarichi collegate alle fognature o i cumuli di rifiuti.

Tra tutte le specie quelli che maggiormente troviamo in Europa sono le Blatte orientali e quella Germanica.

 

Rischi alla salute pubblica

Gli scarafaggi sono potenziali vettori di malattie quali dissenteria, gastroenterite, tifo e poliomielite. La loro dieta è onnivora ed include sostanze in fermentazione, vestiti asettici sporchi, capelli, cuoio, pergamena, tappezzeria , feci e cibo per l’alimentazione umana. Quest’ultimo può essere contaminato o per trasporto meccanico di agenti che causano malattie da parte del corpo dell’insetto o per trasmissione negli escrementi.

Gli scarafaggi ed i loro escrementi possono causare reazioni allergiche specialmente tra gli individui sensibili e gli asmatici. L’esposizione può risultare dall’ingestione o attraverso l’inalazione di sostanze, derivate dagli scarafaggi, presenti nella polvere trasportata dal vento. In oltre il cibo può essere infettato con il caratteristico odore dello scarafaggio che è prodotto dagli escrementi e dalle secrezioni della ghiandola salivare addominale, o dagli insetti morti.

CONTROLLO


Un adeguato controllo degli scarafaggi è difficile da ottenere e molto dipende dagli interventi effettuati per le specie interessate. E’ necessario valutare l’infestazione per determinare la specie e l’estensione dell’infestazione stessa. Occorre disporre di mappe dell’area. L’intera zona deve essere ispezionata, inclusi i locali vicini, luoghi normalmente inaccessibili, fogne, etc. Una ricognizione notturna è utile dato che è il periodo di massima attività dell’insetto. L’indagine viene fatta utilizzando trappole per il monitoraggio degli scarafaggi, ricercando escrementi, esuvie, uova etc. Un aerosol a base di piretro spruzzato attorno e nei luoghi dove gli insetti potrebbero nascondersi, induce gli scarafaggi ad uscire velocemente (tranne la Blatta nera).

INTERVENTI DI CONTROLLO

A) Gestione/Igiene
Un elevato standard di igiene è importante nel controllo degli scarafaggi

B) Controllo insetticida
ESCHE
Rappresentano un sistema innovativo di lotta in alternativa ai tradizionali trattamenti spray. La tecnica consente di ridurre al minimo i rischi per per l’operatore ed offre una notevole flessibilità d’impiego. Con le esche si può collocare in modo controllato l’insetticida formulato con cibi attrattivi. Quando sono poste in zone infestate da scarafaggi, questi si cibano di esche assumendo dosi letali di insetticida. In questo modo si ha la possibilità di ottenere un controllo continuo degli scarafaggi per lunghi periodi di tempo.

TRATTAMENTO SPRAY SU SUPERFICI
Un trattamento efficace dipende dalla scelta e dall’uso di un insetticida idoneo. Molti insetti ed ooteche sono ben nascosti, l’insetticida quindi deve essere posizionato nei modi ed attorno questi nascondigli e mantenuto per tutto il periodo di sviluppo delle specie in questione. Per controllare un’infestazione si dovrebbe in teoria continuare fino a quando tutte le uova si sono schiousese, ma nuove infestazioni possono richiedere trattamenti di routine.

FUMIGAZIONI
Trattamenti regolari sono necessari ad intervalli settimanali, ad esempio fino a quando l’infestazione è riportata sotto controllo. In seguito, trattamenti di mantenimento, ad intervalli meno frequenti, dovrebbero mantenere la popolazione ad un livello accettabile. Inizialmente si otterrà Una consistente moria di adulti e ninfe che porterà alla apparizione solamente occasionale di neanidi. La Tecnica è particolarmente utile usando insetticidi piretroidi per snidare gli scarafaggi dai loro nascondigli e farli transitare sugli insetticidi.

Famiglie e loro caratteristiche

Blatta nera ( Blatta orientale )
Adulto. Lungo 20-24 mm, colore scuro quasi nero, le ali del maschio coprono quasi i due terzi dell’addome e le ali delle femmine sono rudimentali, può facilmente arrampicarsi su qualsiasi superficie (liscia o ruvida).

CICLO BIOLOGICO:
Blatta nera La femmina produce 5 ooteche ad intervalli mensili. Le ooteche, molto resistenti, sono lunghe 12 mm. Contengono fino a 16 uova e sono cementate al substrato nelle vicinanze di forniture di cibo. Possono essere ricoperte da rifiuti. Le ninfe emergono dopo 6-12 settimane e passano attraverso 7 – 10 mute prima di raggiungere la maturità, un processo che dura dai 10 mesi ai 2 anni in relazione alla temperatura ed alla riserva di cibo. Ad ogni successiva muta le ali, le antenne e i cerci si sviluppano e le ninfe diventano progressivamente più simile all’adulto gli adulti vivono circa 4-5 mesi ad una temperatura di 25 C°. La lenta proliferazione la lenta proliferazione viene ridotta ulteriormente laddove sussistono minimi standard di igiene


ingrandisci >>

Blatta grigia ( Blattella germanica )
Lunga 10-15 mm, di colore marrone giallognolo con due segni scuri longitudinali sul pronoto, le ali sono ben sviluppate in entrambi i sessi, possono facilmente arrampicarsi su qualsiasi superfice (liscia o ruvida).

CICLO BIOLOGICO:
La femmina di questa specie produce 4 – 8 ooteche ad intervalli di circa un mese. Ogni ooteca è molto resistente, è lunga 6 mm e contiene fino a 30 uova ma, a differenza della Blatta nera la femmina trasporta l’ooteca fino alla schiusura delle uova (dopo circa 2,5-4 settimane)Le ooteche sono nascoste vicino ad una fonte di cibo, dove le neanidi sfarfalleranno e passeranno attraverso 5-7 mute, prima di raggiungere la maturità: Alla temperatura di 25 C° La blattella germanica ha particolare successo per le seguenti ragioni:

  1. Il consistente numero di uova per ciascuna ooteca.
  2. La femmina protegge l’ooteca trasportandola fino alla schiusura delle uova.
  3. Breve periodo di sviluppo tra la schiusura delle uova e la maturità
  4. Di piccole dimensioni, si può facilmente nascondere.

ingrandisci >>

Blatta rossa ( Periplaneta americana )
Adulto: lungo 28-44 colore rosso marrone con il bordo giallo attorno al pronoto, assenza di strisce submarginali gialle sulle ali anteriori, ultimo segmento dei cerci due volte più lungo che ampio.


ingrandisci >>

Blatta australiana ( Periplaneta australasiae )
Adulto. Lungo 30-35 mm. Colore marrone chiaro con una striscia circolare giallo avorio che racchiude una vasta distinta macchia bilobata nera; striscia submarginale gialla alla base delle ali anteriori.


ingrandisci >>

Neanidi e ninfe
Le neanidi e ninfe di tutte le specie sono simili all’adulto, ma ovviamente di dimensioni più piccole. Immediatamente dopo la schiusa delle uova o la muta sono bianche, ma la cuticola diventa più scura tendendo al colore normale.


ingrandisci >>
Share by: